giornata di sensibilizzazione

Sassari: studenti universitari sul tema della tratta degli esseri umani

La giornata si inserisce nel quadro delle azioni che la Regione Sardegna realizza in attuazione del Piano regionale per l’accoglienza dei flussi migratori non programmati che dedica una specifica sezione a questa moderna forma di schiavitù che ricorre al terrorismo psicologico e alla violenza fisica.

La Regione Sardegna ha organizzato per il prossimo 29 novembre a Sassari una giornata di sensibilizzazione e dialogo con gli studenti universitari sul tema della lotta alla tratta degli esseri umani.

L’evento, che avrà inizio alle ore 10.30 presso l’aula Segni dell’Università, in viale Mancini al civico 5, è promosso in collaborazione con l’Ateneo sassarese e la Congregazione Figlie della Carità di San Vincenzo De Paoli, istituzione da tempo impegnata nella realizzazione di azioni di prevenzione e di protezione dei diritti delle vittime di tratta in Sardegna.

Obiettivo dell’incontro è quello di inquadrare il fenomeno, anche alla luce dei recenti flussi migratori che ne hanno aggravato l’entità, e fare in modo che i giovani siano maggiormente consapevoli del problema, delle sue cause e dei suoi drammatici effetti e di quanto viene realizzato a livello regionale per difendere le vittime.

La giornata si inserisce nel quadro delle azioni che la Regione Sardegna realizza in attuazione del Piano regionale per l’accoglienza dei flussi migratori non programmati che dedica una specifica sezione a questa moderna forma di schiavitù che ricorre al terrorismo psicologico e alla violenza fisica. La tratta di esseri umani è, infatti, un fenomeno complesso che investe differenti ambiti: lo sfruttamento della prostituzione, altre forme di sfruttamento sessuale, il lavoro forzato, l’asservimento, il prelievo di organi, l’accattonaggio.

Intervengono all’incontro Marco Sechi, in rappresentanza della Regione Sardegna, i docenti Gian Paolo Demuro, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Sassari e Gabriella Ferranti, titolare della cattedra di “Tutela internazionale dei diritti umani” nello stesso Ateneo e la formatrice Corinne Vigo.

Categoria: